L’ordine dei medici chiede una svolta per Brindisi

 

medico-big-beta-2Si apprende che il Consiglio Comunale di Brindisi è chiamato nei prossimi giorni ad assumere decisioni che condizioneranno gli indirizzi del Comune in tema di politica energetica nei prossimi anni. Si tratta di un tema fortemente correlato alla salute collettiva che non può vedere assente l’Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della Provincia di Brindisi.

Sono numerose le evidenze scientifiche circa un impatto negativo sulla salute delle popolazioni vicine ad impianti energetici ed in particolare a quelli che hanno come combustibile il carbone ed i rifiuti comunque denominati. Molte sono le sostanze (idrocarburi policiclici aromatici, metalli pesanti tra cui l’arsenico, il mercurio, il nichel, il piombo, polveri sottili, ossido di carbonio e anidride carbonica, sostanze radioattive, ossidi di azoto e ossidi di zolfo, diossine e furani) emesse in aria, acqua e suolo nonché nel residuo di combustione e sono tutte particolarmente tossiche ed alcune cancerogene.

Le indagini epidemiologiche disponibili da diversi anni segnalano nell’area ad alto rischio ambientale di Brindisi, e soprattutto nel capoluogo, un eccesso di mortalità generale e per alcuni tumori in particolare. Esistono studi recenti sull’aumento di mortalità e di ricoveri per cause cardiovascolari nei giorni in cui si registra innalzamento delle concentrazioni degli inquinanti nell’aria. E’ stato rilevato un eccesso di malformazioni neonatali e la loro relazione con l’emissione di SO2.

Se la prova del nesso causale esposizioni ambientali/patologie, sotto il profilo della rilevanza penale, è materia che riguarda la magistratura, il processo penale e i suoi attori, il fondamentale principio di prevenzione impone invece a tutta la comunità brindisina, a partire dai protagonisti della scena politico – istituzionale, di adottare e valorizzare politiche di tutela dell’ambiente e della salute pubblica di questa città, incentrate su un cospicuo abbattimento di tutte le sostanze “sospettate” di incidere negativamente sulla salute delle persone.

Il nostro compito non è quello di trovare soluzioni tecniche; ma, come medici, riteniamo che le condizioni a cui siamo giunti necessitino di interventi per invertire la tendenza, favorendo una drastica riduzione delle emissioni nocive.

Considerato lo status di area ad alto rischio di crisi ambientale, è necessario sollecitare un intervento legislativo regionale che, con le innovative procedure della Valutazione Integrata di Impatto sulla Salute (Vis), impedisca, per ragioni sanitarie, ulteriori insediamenti che emettono sostanze tossiche e prescrivano rimedi per la riduzione di quelli esistenti in tempi ragionevoli ma compatibili con il valore della vita e della salute.

Si impone un grande impegno di tutte le forze culturali, sociali e istituzionali responsabili, affinché i due diritti naturali e costituzionali (la salute e il lavoro) non siano in competizione ma trovino il giusto equilibrio in una politica dello sviluppo economico, che dovrà essere compatibile con le esigenze sociali di occupazione, di salute e di tutela ambientale, contemperando le esigenze delle generazioni presenti con quelle delle generazioni future.

Emanuele Vinci
presidente dell’Ordine dei medici – Brindisi

 

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s